Post recenti

Pagine: [1] 2 3 ... 10
1
.:Presentazioni e Saluti:. / Re:Presentazione
« Ultimo post da Betoniera il 15 Aprile , 2017, 19:08:08 pm »
Ciao marco, benvenuto
Ciao a tutti
2
.:Presentazioni e Saluti:. / Presentazione
« Ultimo post da casuMC il 14 Aprile , 2017, 14:38:45 pm »
Buongiorno a tutti!
mi chiamo Marco e sono un ingegnere magistrale edile di Firenze da poco approdato alla libera professione.
Spero di poter contribuire in questo forum visto quanto mi è stato utile durante gli studi.



3
.:Presentazioni e Saluti:. / Re:Presentazione
« Ultimo post da pasquale il 08 Aprile , 2017, 20:22:29 pm »
benvenuto,
e speriamo che questo forum si riprenda
4
.:Idraulica:. / Sbocchi professionali Ingegneria idraulica
« Ultimo post da Giannifas93 il 20 Marzo , 2017, 17:10:47 pm »
Salve a tutti!
Sono uno studente di Ingegneria civile - idraulica prossimo alla scrittura della tesi. Sono ancora molto indeciso sulla scelta dell'argomento su cui basare la mia tesi, in quanto le diverse proposte di tesi che mi sono state presente affronterebbero tematiche sia di forte interesse sia di mio gradimento. Per questo motivo (anche come discriminante) vorrei incentrare la tesi su un tema che possa magari essere in futuro alla base della mia attività professionale e permettermi quindi un più facile inserimento nel settore lavorativo dell'Ingegneria idraulica.
Quindi vi chiedo, in quale contesto idraulico (Idrologia, fluviale, dighe e attività ad esse connesse, infrastrutture idrauliche, marittimo, idroelettrico in generale ecc.) vi sono maggiori possibilità lavorative al giorno d'oggi??
Grazie in anticipo :)
5
.:Domande e Risposte:. / Re:Fabbricato abusivo DIA /SCIA
« Ultimo post da Salvatore Bennardo il 20 Marzo , 2017, 16:44:19 pm »
Google: "completamento opere in sanatoria"

(se c'è istanza di sanatoria, l'immobile ha diritto di esistere)
6
.:Ing-Cafè:. / Re:Quesito ASTRONOMICO
« Ultimo post da melo il 20 Marzo , 2017, 16:26:34 pm »
inoltre c' è da considerare che il semplice calcolo s=vt non regge, se non fosse altro che lo spazio ed il tempo si creavano man mano che l'universo si espandeva. Pertanto il concetto di tempo di quando l'universo aveva il diametro di un metro (misurato rispetto a cosa? e con quale metro?) è qualcosa di difficile da immaginare.

La relatività ci dice che nulla nello spazio può superare la velocità della luce, questo implica che il materiale formante l'universo non possa superare la velocità di c.
Tale ragionamento vale se l'universo si espande nello spazio, ma così non è, in quanto lo spazio è creato con l'espansione stessa; stesso discorso per il tempo.
7
.:Domande e Risposte:. / Fabbricato abusivo DIA /SCIA
« Ultimo post da melo il 20 Marzo , 2017, 16:09:31 pm »
Un cliente ha un fabbricato abusivo per il quale è stata presentata domanda di condono nell'85.
Ai tempi è stata pagata una parte della sanzione e tutto è rimasto fermo fino ad oggi.
Oggi il cliente vorrebbe concludere la procedura di condono iniziata all'epoca, ma prima vorrebbe rifare la facciata che sta cadendo a pezzi.

Dal punto di vista giuridico è possibile su un immobile che non dovrebbe esistere eseguire delle lavorazioni?

Come procedere?
8
.:Domande e Risposte:. / Sbocchi professionali Ingegneria idraulica
« Ultimo post da Giannifas93 il 19 Marzo , 2017, 17:46:29 pm »
Salve a tutti!
Sono uno studente di Ingegneria civile - idraulica prossimo alla scrittura della tesi. Sono ancora molto indeciso sulla scelta dell'argomento su cui basare la mia tesi, in quanto le diverse proposte di tesi che mi sono state presente affronterebbero tematiche sia di forte interesse sia di mio gradimento. Per questo motivo (anche come discriminante) vorrei incentrare la tesi su un tema che possa magari essere in futuro alla base della mia attività professionale e permettermi quindi un più facile inserimento nel settore lavorativo dell'Ingegneria idraulica.
Quindi vi chiedo, in quale contesto idraulico (Idrologia, fluviale, dighe e attività ad esse connesse, infrastrutture idrauliche, marittimo, idroelettrico in generale ecc.) vi sono maggiori possibilità lavorative al giorno d'oggi??
Grazie in anticipo :)
9
.:Strutture:. / Re:Per le murature, analisi con shell o con telaio equivalente?
« Ultimo post da Betoniera il 14 Marzo , 2017, 12:13:41 pm »
Sto cercando pareri relativi al modo migliore di modellare edifici in muratura, anche storici e di una certa importanza (scuole, ecc.).
Personalmente, ritengo che la modellazione attraverso shell sia aderente alla realtà, ma poi, per ragioni di calcolo, non si giunge a qualcosa di attendibile (salvo fare i matematici). Mentre per i modelli a telaio vale un po' il contrario: difficile pensare che un modello a telaio equivalente sia aderente al comportamento reale della costruzione, ma una volta accettato il modello, i risultati sono attendibili e "gestibili".
Qualcuno può aggiungere qualche considerazione?
Che ne dite di PCM (AEDES)? Consigli?


Ciao enterprise
Non sono esperto in murature, ma per quel poco che so sono giunto alle tue stesse conclusioni.
Penso che il problema principale sta nel fatto che le murature non hanno capacità elastica.
I nostri modelli sono basati proprio sull'elasticità, per chi ogni tentativo di ricondurre il calcolo ad un telaio elastico è sbagliato.
Il metodo di Magenes, con l'introduzione del telaio equivalente, tenta di ricondurre il calcolo di elementi solidi e fragili (quali sono le murature) che non sappiamo fare ad un calcolo a telaio che non è ma che però sappiamo fare.
Qualche affinamento lo passiamo fare con l'analisi push-over, ma niente di più.
Le cose poi si complicano quando si deve esaminare le volte a crociera o elementi di muratura complessi, dove è evidente che il telaio equivalente e assolutamente inadatto.
Allora perchè calcoliamo col telaio equivalente?
Semplicemente perchè non abbiamo una teoria migliore, almeno per ora.
Ho visto un esempio sperimentale di calcolo con programmi meccanico tipo Ansys, Abaqus, ecc. con simulazione volumica dei sassi e gestione del contatto (tipiche dell'analisi meccanica). Si tratta di calcoli che durano diverse ore dove non c'è ancora la padronanza di ciò che si sta facendo. Quindi al momento sono inapplicabili anche se i risultati sembrano promettenti. In una simulazione ho visto che il modello forniva l'indicazione dell'instabilità di una porzione di muratura in corrispondenza di un arco.
Ho l'impressione quindi, che per ora, dobbiamo accettare un calcolo alquanto approssimato. Non abbiamo di meglio.

Relativamente la programma PCM, l'avevo esaminato molti anni fa.
Sembrava promettente. Però allora aveva un grave carenza: non aveva un editor delle armature. Queste venivano date in automatico senza molte possibilità di intervento.
Ho così rinunciato all'acquisto e sono passato a Modest.
Ma ora sono passati un pò di anni e magari le cose sono cambiate. Informati sul punto.
Ciao

10
.:Strutture:. / Per le murature, analisi con shell o con telaio equivalente?
« Ultimo post da enterprise il 11 Marzo , 2017, 15:53:15 pm »
Sto cercando pareri relativi al modo migliore di modellare edifici in muratura, anche storici e di una certa importanza (scuole, ecc.).

Personalmente, ritengo che la modellazione attraverso shell sia aderente alla realtà, ma poi, per ragioni di calcolo, non si giunge a qualcosa di attendibile (salvo fare i matematici). Mentre per i modelli a telaio vale un po' il contrario: difficile pensare che un modello a telaio equivalente sia aderente al comportamento reale della costruzione, ma una volta accettato il modello, i risultati sono attendibili e "gestibili".

Qualcuno può aggiungere qualche considerazione?

Che ne dite di PCM (AEDES)? Consigli?


Pagine: [1] 2 3 ... 10